MUSICA CRISTIANA...." STIAMO ESAGERANDO"...!!!

di Stefano Mazzilli

Sarebbe ora di dire: "Lasciate in pace l'arte!". Come uomo e come cristiano sono orgoglioso di essere allergico ad ogni tipo di omologazione... Quindi lasciate che gli artisti parlino la lingua che vogliono.... Parlare l'esperanto non significa nuova pentecoste.... figurati pianificare la lingua per esprimersi cantando... un'altra violenza... Ti faccio riflettere su una cosa... come mai ascoltando una canzone in inglese un ragazzo italiano può commuoversi anche prima di tradurne il testo? Se la canzone è buona, può trasmettere le emozioni giuste e far vibrare i canali dei sentimenti risvegliando la vita... (fermo restando la ricerca della verità, smascherando gli inganni; vedi i vostri interventi circa il subliminale...). Personalmente sono sempre stato molto preoccupato di quanto succede per la musica "sacra" specie in Italia... Ho l'impressione che ogni volta che si costituisce una commissione, tipo quella del canto liturgico, ci sia il rischio di una grave limitazione della libertà dello spirito... Sono stato parroco e so cosa significa educarsi al buon canto della lode e ne conosco tutti gli sforzi... Il rito diventa una gabbia? Credo che il rischio sia altissimo... Qualcuno è molto più preoccupato a "mettere ordine" che a migliorare la comunicazione per liberare l'uomo... Quando una commissione ecclesiatica mette il "divieto" circa l'esecuzione di alcuni canti... il gioco è fatto... ci risiamo... qualcuno sta imponendo un potere... i giorni del vangelo si allontanano... Questa omologazione del linguaggio è un bel giochetto di potere che sto riscontrando anche nei corsi di formazione per laici... nei quali tanti fratelli vengono invitati a cambiare la propria lingua e ad esprimersi in forme e formule "pretesche"... Mi dispiace, dissento... C'è nella chiesa cattolica il rischio di un rigurgito di tradizionalismo... frutto di paure e tentazioni antiche e nuove... Il fatto di usare parole di altre lingue nei canti italiani non è una limitazione o un inquinamento, anzi è il segno di un mondo senza confini... Non dimentichiamo che le istituzioni cercano sempre di difendere loro stesse a discapito della libertà umana... ci sono le prove... ricordate...? Al rogo i libri e i filosofi, censura per gli "accordi musicali" satanici, processi agli scienziati...! Pensate che io sono "devoto" a un certo Gesù di Nazareth che è stato molto "censurato" e messo a morte perché predicava un mondo di uomini e donne liberi... Quindi cari amici... come nuovo eretico, faccio il tifo per la libertà di ogni individuo... e sarò dalla parte di un nuovo movimento rivoluzionario, contro l'omologazione dei linguaggi, dei riti, delle canzoni, dei cibi, dell'economia, delle uniformi... Ognuno sia se stesso, nella libertà, nella verità, nella responsabilità, nel rispetto, nella pace.

Scusate la mia invasione... era un pò che volevo dire queste cose... ed è un pò difficile in un breve spazio esprimersi al meglio... ma almeno ci ho provato.

Ciao, Stefano Mazzilli, cantautore

 
   

bignoli banner miriam.gif (17883 byte)