I 7 migliori amplificatori per tastiera

La tastiera e il pianoforte sono tra gli strumenti musicali più suonati al mondo, nonché la causa di innumerevoli lacrime, piante a causa di versioni piano-voce capaci di scaldare il cuore di ognuno di noi.

In diverse condizioni, l’audio naturale di questo strumento musicale può non essere sufficiente a farsi udire, in presenza di una platea molto ampia, oppure se hai delle chitarre elettriche e una batteria che tendono sempre a sovrastarti.

In questo caso avrai bisogno di un buon amplificatore per tastiera!

Ma di cosa si tratta? Quale scegliere e dove comprarlo?

In questo articolo ti guideremo in una panoramica al miglior amplificatore per tastiera, dandoti tutti gli elementi per capire qual è il dispositivo che fa per te.

Qual è il miglior amplificatore per tastiera?

Esistono principalmente due tipi di amplificatori per tastiera: l’amplificatore classico, oppure il più performante (ma più costoso) sistema audio PA (amplificatore casse stereo).

Questa, però, non è l’unica scelta che devi fare! Ogni marca, infatti, ha le sue caratteristiche peculiari e una diversa potenza.

È per questo che cercheremo di aiutarti, testando i migliori amplificatori per tastiera presenti attualmente sul mercato e lasciandoti la nostra recensione dettagliata. Ti basta soltanto proseguire nella lettura di questo articolo!

Iniziamo con la lista dei migliori amplificatori per tastiera, in vendita online e nei negozi di musica:

1. Amplificatore per tastiera di missaggio a 4 canali Roland

amplificatore per tastiera Roland

Il nostro amplificatore per pianoforte tastiera preferito è sicuramente il KC-200 della Roland, ampli di fascia alta che unisce performance e maneggevolezza ad un rapporto qualità prezzo estremamente vantaggioso.

  • Potenza di amplificazione di 100 watt, per un volume sempre adeguato alle esigenze.
  • Mixer on board con comandi per gain e equalizzatore che assicura una gestione impeccabile del suono.
  • Altoparlante a due vie da 30,5 cm, che amplifica in modo ottimale sia le frequenze basse che quelle alte.

Fin qui l’amplificatore per tastiera KC-200 sembra già un ottimo prodotto, ma le caratteristiche interessanti non finiscono qui:

  • 4 canali separati, per il collegamento di 4 strumenti musicali in simultanea.
  • Amplificatore piccolo e compatto dal peso di 20 kg, adatto anche a spostamenti e tournée.

È un acquisto importante, indirizzato soprattutto a chi ha bisogno di un amplificatore per tastiera e pianoforte portatile di livello professionale.


2. Amplificatore per tastiera leggero da 50W VOX

amplificatore per tastiera VOX

Il secondo prodotto che abbiamo selezionato per voi è un amplificatore per tastiera straordinariamente leggero, che dispone di ben 50W di potenza. Si tratta dell’ampli VOX VX 50 KB, una delle marche più conosciute nel settore per l’ottimo rapporto qualità prezzo offerto negli anni ai clienti.

  • Amplificatore cassa coassiale, che rende il suono limpido nel range delle alte frequenze.
  • Tecnologia Bass Reflex, che mantiene profondità e chiarezza anche delle note più basse.
  • Altoparlante da 8 pollici con tweeter per il supporto delle frequenze acute.
  • 3 canali con controlli indipendenti ed effetti chorus e riverbero integrati.
  • La struttura a valvole Nutube garantisce un suono stereo pieno e caldo.

Ma non finisce qui. Infatti una delle caratteristiche più interessanti dell’amplificatore VOX VX 50 KB sono le dimensioni davvero ridotte. Puoi portarlo praticamente dove vuoi!

  • Peso inferiore ai 5kg.
  • Dimensioni di 20.8 x 31.3 x 35.4 cm

3. Amplificatore per tastiera combo portatile Laney Ah80

amplificatore per tastiera Laney

La nostra terza scelta resta nel campo degli amplificatori per tastiera classici: si tratta dell’ampli Ah80 della Laney. Pensato principalmente per essere facilmente trasportato, non accetta però nessun compromesso in termini di potenza, che resta comunque di tutto rispetto: 80W.

Ma le caratteristiche interessanti non finiscono qua:

  • Equalizzatore grafico a 5 bande per una personalizzazione totale del suono.
  • Dimensioni ridotte di 36x41x43 cm e un peso totale di 13,6 kg che lo rendono un amplificatore combo adatto al trasporto frequente.
  • 3 canali audio separati, adatti alla connessione di tutti i membri di piccole band musicali.
  • Tutti gli ingressi che servono, tra cui il classico XLR, jack e mini-jack, presa per le cuffie per suonare senza disturbare i tuoi vicini.

Un amplificatore perfetto sia per le sale prove che per i musicisti itineranti, che ha un ulteriore punto di forza nel rapporto qualità prezzo davvero vantaggioso.


4. Amplificatore casse stereo da studio 100W M-Audio

amplificatore per tastiera M-Audio

Iniziamo ora ad esplorare il campo degli amplificatori per casse attive. Questi, al contrario dell’amplificatore a cabinet standard, è costituito da due speaker e rappresentano la soluzione migliore per le esibizioni piano-voce.

I features di questo prodotto, nel dettaglio, sono:

  • Biamplificazione a due pezzi, per una riproduzione stereo del suono perfettamente distribuita.
  • Range di frequenze ottimali dai 52 ai 35 kHz, che copre tutta la gamma di suoni di una tastiera stereo.
  • Woofer da 12,7 cm che rende i bassi profondi e corposi, bilanciato da un tweeter che valorizza le note più alte.
  • Tecnologia Acoustic Space Control che ti permette di adattare il suono all’ambiente di ascolto, in modo che sia adatto alla riproduzione sia da camera che durante i concerti.

Ma le caratteristiche interessanti non finiscono qui:

  • Doppio ingresso XLR per il collegamento di mixer, altri strumenti musicali, pedali e molto altro.
  • Jack classico per cuffie, per una riproduzione totalmente silenziosa.

5. Amplificatore per tastiera a coppia di monitor bianco Pioneer Dj

amplificatore per tastiera Pioneer

La coppia di monitor bianco della Pioneer DJ rappresenta un altro amplificatore casse stereo, un dispositivo spesso più leggero e più economico del classico amplificatore per tastiera.

  • Connettività bluetooth per la riproduzione wireless da computer, smartphone e tablet. È una caratteristica molto particolare che però si rivelerà più utile di quanto tu possa immaginare!
  • La musica viene riprodotta da una coppia di casse (amplificatore per casse attive) realizzate in fibra di vetro, che valorizzano le basse frequenze pur mantenendo un diametro di soli 4”.
  • Tutto lo spettro sonoro del tuo pianoforte portatile sarà coperta, senza alcun tipo di distorsione.
  • L’estetica vintage è sempre una scelta vincente per un tastierista, specie per gli amanti dei pad e dei synth anni’80.

Dal rapporto qualità prezzo molto valido, questo prodotto è perfetto per chi cerca una soluzione pratica e cerca un design old style e fortemente identificativo.


6. Amplificatore per tastiera mobile Roland MB-Cube

amplificatore per tastiera Roland MB-Cube

Nonostante una potenza di “soli” 5 watt, l’amplificatore cassa portatile MB-Cube della Roland fa della portabilità il suo vero punto di forza. Questa caratteristica è sottolineata anche dal design particolarissimo a forma di valigetta, struttura che invita al trasporto dell’amplifier.

Dal rapporto qualità prezzo davvero ottimo, ecco le caratteristiche che, secondo noi, valgono l’acquisto di questo prodotto:

  • La forma a valigetta, che noi troviamo assolutamente deliziosa e comoda per il trasporto dal peso di appena 3 kg. In più, è inclusa una tracolla nella confezione.
  • Palette di effetti essenziale ma indispensabile, che contiene riverbero, chorus e distorsione, per una personalizzazione del suono a 360°.
  • Doppio speaker da 4” e potenza totale di 5 watt, ottima per svago e prove, mentre per suonare in spazi ampi o aperti potrebbe essere una potenza insufficiente.
  • Puoi trasformare le canzoni in karaoke, grazie all’innovativa funzione Center Cancel che elimina la voce del cantante! Questo si accompagna solitamente ad una perdita di qualità del brano.

7. Amplificatore professionale a coppia di monitor PreSonus

amplificatore per tastiera Presonus

Concludiamo la nostra carrellata con un amplificatore casse stereo dal design che rasenta il futuristico, adatto ai musicisti più arditi e avanguardisti: si tratta dell’amplificatore per tastiera ERISE 3.5 della PreSonus.

È la versatilità il vero fiore all’occhiello di questa marca di ampli, dato che è diretto a tutti quei musicisti che vogliono delle casse che siano perfettamente in grado di riprodurre la tastiera, ma che, allo stesso tempo, possano essere usate anche come speaker generici.

I punti a vantaggio di questo amplificatore cassa sono:

  • Adattabilità ad essere usato come monitor da studio, amplificatore pianoforte portatile, per giochi o guardare film. Anche se non sei un musicista, questa coppia di speaker potrebbe essere un acquisto top!
  • Accordatura acustica che offre una qualità del suono perfetta in ogni ambiente.
  • Ingresso stereo e jack per le cuffie, così da poter suonare in completo silenzio.

È il prodotto più economico del lotto, ma la qualità è garantita.


Che cos’è un amplificatore per tastiera?

amplificatore-per-tastiera

A questo punto ti starai chiedendo: cos’è un amplificatore per tastiera e quali sono le differenze con gli amplificatori per altri strumenti musicali?

Un amplificatore per tastiera è usato per amplificare pianoforte tastiera, sintetizzatori e organi e ciò che lo distingue dagli altri tipi di ampli è la diversa specificità per le frequenze che veicola.

Il piano e la tastiera musicale hanno infatti bisogno che le frequenze basse siano profonde e corpose, mentre le alte devono essere limpide e senza distorsioni. Per ottenere questo, occorre un amplificatore che tragga il massimo da queste frequenze.

Di solito è dotato di diversi canali, da due a quattro, ed ognuno di essi ha il proprio pre-amplificatore, equalizzatore e gli altri controlli dedicati.

Il cabinet contiene amplificatore cassa e antenna nello stesso vano.

Come scegliere un amplificatore per tastiera?

La decisione di acquistare un amplificatore per tastiera può essere determinata dal fatto che hai bisogno di essere ascoltato mentre suoni in compagnia di una band oppure, semplicemente, vuoi esercitarti senza cuffie mentre suoni col tuo pianoforte o sintetizzatore.

In qualsiasi caso, questa guida potrà esserti utile per districarti nel mondo degli amplificatori per tastiera, per comprenderne le funzioni e capire quale scegliere.

Cosa differenzia un amplificatore per tastiera dagli altri?

differenzia-amplificatore-per-tastiera

Come abbiamo già accennato, esistono delle differenze importanti tra un amplificatore per tastiera ed uno, ad esempio, per chitarra.

Mentre il secondo è progettato per fornire supporto alle frequenze specifiche della chitarra, aumentandone la potenza, un amplificatore cassa per tastiera deve riprodurre un range molto più ampio di frequenze nella maniera più accurata possibile.

È per questo motivo che, se sei un tastierista, sarebbe meglio non accontentarsi di un amplificatore per casse attivo progettato per altri strumenti ma focalizzare la tua attenzione su un prodotto specifico per il tuo strumento musicale.

Amplificatore combo o amplificatore classico?

Al contrario di ciò che si può pensare, noterai che la maggior parte dei tastieristi sceglie un amplificatore combo che è, a tutti gli effetti, la soluzione più conveniente. Ma perché?

L’amplificatore combo racchiude in sé amplificatore, cassa, pre-amp e, molto spesso, anche una serie di controlli per la processazione del suono, tutti all’interno di un’unità compatta.

Inoltre, si tratta molto spesso di strumentazioni plug and play: basta connettere la tastiera stereo all’amplificatore, accenderlo e potrai già suonare le tue canzoni preferite.

È un amplificatore piccolo, utilizzabile tranquillamente a casa, che però racchiude la giusta potenza per far sì che la tua tastiera sia udibile anche se fai dei live insieme ad un’intera band.

Meglio usare degli speaker attivi o un amplificatore per tastiera?

Molti amplificatori per casse attive, molto simili a dei classici speaker, hanno caratteristiche piuttosto simili ai classici amplificatori per tastiera, essendo concepiti per riprodurre il suono del piano quanto più fedelmente possibile.

Questo significa che sono un’ottima alternativa all’amplificatore? Dipende.

Nella maggior parte dei casi, un amplificatore per pianoforte portatile è la scelta migliore, dato che è in genere più potente ed è anche compatto e facile da configurare.

Tuttavia, in diverse condizioni puoi avere la necessità di esibirti con tastiera e microfono – ad esempio, se fai piano bar – un amplificatore casse stereo può risultare la soluzione più adatta.

Esistono casse di nuova generazione pensate per darti il controllo totale su diversi ingressi, senza che microfono o tastiera debbano essere compromessi in termini di qualità audio mentre, come già detto, l’amplificatore per tastiera predilige solo le frequenze dello strumento, col rischio di penalizzare l’aspetto vocale.

Quanta potenza serve ad un amplificatore per tastiera?

Tieni presente questa regola generale: di solito, più è alto il wattaggio, più potente sarà il volume in uscita senza che esso subisca alcuna distorsione. Per cui, se hai bisogno di suonare la tua tastiera musicale a volumi molto alti, troverai negli amplificatori ad elevata potenza i tuoi migliori alleati.

Volume e qualità del suono non dipendono, però, solo dal wattaggio: aspetti come il numero e le dimensioni delle casse giocano anch’essi un ruolo cruciale.

Insomma, se hai bisogno di suonare in ampi spazi o di sovrastare altri membri della band, ti consigliamo di concentrarti su amplificatori con potenza superiore ai 50 watt. Se invece ti serve per piccoli concerti o nel contesto di una sala prove, puoi accontentarti di una potenza di 20-30 watt.

Amplificatore per tastiera: guida all’acquisto per capire quale scegliere

un-amplificatore-per-tastiera

Orientarsi nel mondo degli amplificatori da tastiera può essere una sfida molto più impegnativa di quanto sembri.

Ma non temere: abbiamo cercato di stilare una guida all’acquisto chiara e comprensibile, che ti permetterà di non commettere errori in fase di acquisto e sapere esattamente quale scegliere. Continua a leggere per diventare un esperto di amplificatori!

  • Amplificatore

Come già detto, un amplificatore per pianoforte portatile (combo) consiste in un cabinet, una struttura che contiene il pre-amplificatore, il “megafono”, l’antenna e gli speaker in un solo dispositivo.

Ma attenzione: la dicitura “amplificatore per tastiera” non significa che esso funzioni soltanto con questo strumento!

Infatti, questo aspetto si riferisce al range di frequenze che esso riesce a provvedere. Questo è molto ampio, proprio perché una tastiera ha bisogno sia di basse frequenze profonde, che di alte frequenze limpide.

È per questo motivo che questo tipo di ampli può essere usato anche con un basso, una batteria, pianoforte e molti altri strumenti.

  • Altri tipi di amplificazione sonora o amplificatore vero e proprio?

SI può optare anche per un amplificatore per casse attive, che offrono una soluzione comoda ed efficiente se si ha bisogno di un’amplificazione modesta o di eseguire performance che richiedano l’uso di microfono e tastiera in contemporanea.

Tieni però presente che l’amplificatore per tastiera è pensato per suonare su palchi piuttosto ampi, donando corpo soprattutto alle basse frequenze che, altrimenti, si sentirebbero molto poco. Allo stesso tempo deve assicurare alte frequenze limpide e squillanti.

Altra differenza l’abbiamo sul fronte della connettività: mentre un ampli per chitarra o per microfono sono pensati per connettere un solo strumento alla volta, l’amplificatore per tastiera offre solitamente 3 o 4 ingressi su canali separati, ognuno con pre-amp e controlli dedicati.

Questa si dimostra una caratteristica essenziale nel caso in cui tu abbia bisogno di connettere più strumenti musicali contemporaneamente.

I tipi di amplificatore per tastiera

Ci sono due tipi principali di amplificatore per pianoforte, tastiera e organo. In realtà, più che di “tipi”, sarebbe meglio parlare di due diverse fasce di prezzo, a cui corrispondono ovviamente delle caratteristiche diverse.

  • Amplificatore per tastiera più economico/low cost: la maggior parte degli amplificatori per tastiera low cost sono pensati per offrire una generica amplificazione dello strumento. Questo significa che molto spesso possiedono un solo canale ed i controlli/effetti si applicano a qualsiasi strumento collegato.
  • Amplificatori per tastiera di fascia alta: si tratta di amplificatori ad alta potenza (in genere sopra i 50W) e i controlli di equalizzazione sono specifici per ognuno dei canali e non interferiscono con gli altri strumenti.
  • Design

Un amplificatore per pianoforte tastiera in genere possiede 3 o 4 canali mixer: questo significa che l’utente può collegare separatamente diversi strumenti musicali all’amplificatore e controllarne equalizzazione ed effetti in maniera indipendente l’uno dall’altro.

È per questo motivo che l’ampli per tastiera si rivela una scelta vincente per tutte le band che si cimentano in generi come il progressivo rock o l’elettronica. Possono essere collegate tastiere elettriche, chitarre elettriche, pianoforti, bassi e sintetizzatori allo stesso strumento di amplificazione. Il tutto senza perdita di controllo o qualità.

Una comodità ed un risparmio mica da poco!

  • Limitazioni

Certo è che un amplificatore per tastiera, rispetto a un sistema PA, presenta qualche tipo di limitazione.

  • Il sistema PA dispone di diverse casse, che possono essere sollevate ed orientate in modo da distribuire un suono stereo in maniera uniforme a tutta la platea. L’amplificatore è solitamente da terra e, anche sollevandolo, non riesce ad equiparare la stereofonia di un PA.
  • I sistemi PA sono generalmente più potenti, mentre un amplificatore per pianoforte portatile è raro che superi i 50 watt.

Insomma, se vuoi acquistare l’amplificatore per fare dei live professionali, forse un sistema PA è l’acquisto migliore per te, anche se più costoso. Se invece devi usarlo per esercitarti o per concertini senza troppe pretese, un amplificatore per tastiera stereo è sicuramente un dispositivo più pratico e più economico.

  • Connessione al subwoofer

La maggior parte degli amplificatori per tastiera hanno un jack dedicato al subwoofer, per chiunque voglia connettere un basso esterno addizionale. Basterà collegare l’uscita del subwoofer all’entrata dedicata presente sul corpo dell’amplificatore per ottenere un potenziamento delle frequenze più gravi.

Tieni presente che il woofer va ad amplificare soltanto le frequenze basse, quindi sarebbe meglio abbinare anche un paio di casse full range, in modo da bilanciare con un potenziamento delle alte frequenze, ottenendo così un suono più realistico ed omogeneo.

Ho bisogno di un amplificatore per tastiera?

Dipende. Generalmente per una tastiera va bene un amplificatore classico. Tuttavia, se suoni la tastiera in una band, avrai bisogno di sovrastare il suono delle chitarre classiche, elettriche, dei bassi e delle batterie presenti nel gruppo. È per questo compito che gli amplificatori per tastiera sono pensati.

Quanti watt di potenza servono ad un amp per tastiera?

Se hai bisogno di un amplifier per esercitarti a casa, vanno benissimo 20 o 30 watt di potenza, possibilmente attraverso speaker tra i 20 e i 25 cm. Per suonare in una piccola band, la potenza consigliata va da 50 ai 70 watt, con uno speaker da almeno 30 cm e, possibilmente, un tweeter per enfatizzare le alte frequenze.

Posso collegare una tastiera ad un amplificatore per chitarra?

Se si tratta di una soluzione di fortuna ed hai solo un ampli per chitarra a disposizione, si può tranquillamente usare collegandolo alla tastiera. Tuttavia, devi tenere presente che la qualità del suono ne risentirà, in quanto i due strumenti lavorano su diverse frequenze.

Posso usare un amplificatore per basso con la tastiera?

Si può collegare la tastiera ad un amplificatore per basso, ma prima è sempre bene controllare la risposta che ha l’amplifier alle frequenze. Il range classico di un amplificatore per basso è tra i 40 e i 45 HZ, che corrisponde ad un do basso sulla tastiera. Suonando note più gravi, il suono potrebbe iniziare a risultare impastato.

Lascia un commento